Egregio Dirigento Scolastico, le scuole sono chiamate ogni giorno ad affrontare la sfida più difficile, quella di
educare le nuove generazioni non solo alla conoscenza di nozioni basilari e alla
trasmissione del sapere, ma soprattutto al rispetto dei valori fondanti di una società. È
quindi importante riaffermare quotidianamente, anche in ambito scolastico, quei
principi di civiltà, come la riservatezza e la dignità della persona, che devono sempre
essere al centro della formazione di ogni cittadini, soprattutto oggi nell’era di internet e
in presenza di nuove forme di comunicazione e condivisione.
Proprio con l’obbiettivo di aiutare studenti, famiglie, professori e la stessa
amministrazione scolastica da Lei diretta in questo compito fondamentale, il Garante
per la protezione dei dati personali ha appena pubblicato una nuova guida “LA
SCUOLA A PROVA DI PRIVACY”.

Il vademecum raccoglie i casi affrontati dal Garante con maggiore frequenza, al
fine di offrire elementi di riflessione e indicazioni per i tanti quesiti che vengono posti
dalle famiglie e dalle istituzioni: da come trattare correttamente i dati personali degli
studenti (in particolare quelli sensibili, come condizioni di salute o convinzioni
religiose) a quali regole seguire per pubblicare dati sul sito della scuola o per
comunicarli alle famiglie; da come usare correttamente tablet e smartphone nelle aule
scolastiche a quali cautele adottare per i dati degli allievi con disturbi di
apprendimento. Viene inoltre dedicata particolare attenzione alla “scuola 2.0” e al
corretto uso delle nuove tecnologie, al fine di prevenire atti di cyberbullismo o altri
episodi che possano segnare negativamente la vita dei più giovani.
Con l’auspicio che possa contribuire a far crescere nel nostro Paese una
autentica cultura della protezione dei dati personali, nella quale coinvolgere professori,
famiglie e Istituzioni, segnalo dunque che la guida è a disposizione in formato digitale
all’indirizzo www.garanteprivacy.it/scuola. Sul sito internet dell’Autorità potrà reperire
ulteriore documentazione utile alle attività didattiche e amministrative del Suo istituto.
Augurandomi che Lei voglia considerare sempre con interesse le iniziative
dell’Autorità dirette al mondo dei giovani e della scuola, porgo i più cordiali saluti

Antonello Soro

 

Vai all'inizio della pagina